lunedì 7 gennaio 2013

Michael Zadoorian- In Viaggio Contromano (The Leisure Seeker)


" Poche storie, Ella e John hanno deciso: partiranno. Chi se ne frega dei divieti e delle ansie dei figli, al diavolo medici, paramedici, rompiscatole che ti ammorbano a suon di esami, prescrizioni, precauzioni. Ella ha più problemi sanitari di un Paese del Terzo mondo, John non ricorda come si chiama sua moglie, ma insieme fanno "una persona intera". Di cose grandiose se ne possono fare anche all'ultimo round. Anche dopo una vita che non ha nulla di straordinario. E allora? Si parte e stop. In barba a ogni cautela, ogni pallosa ragionevolezza, a ottant'anni suonati, Ella e John balzano sul loro camper- un vecchio Leisure Seeker- e attraversano l'America da Est a Ovest. Partendo da Detroit, puntano dritti a Diseyland, lungo la mitica Route 66. Un vero e proprio viaggio contromano a base di cocktail vietati, hippies irriducibili, diapositiva all'alba, malviventi messi in fuga. Un inno alla Strada, un caleidoscopio di personaggi strepitosi e cittadine fantasma, ansie sogni paure: quello che è stato, che si è amato, quel che è qui ora e più non sarà...perchè la vita è profondamente nostra, teneramente, drammaticamente grande, fino all'ultimo chilometro"

Questa è la quarta di copertina più bella che io abbia mai letto
E questo è il libro più tenero e commovente e delicato che io abbia mai letto in questi ultimi anni.
E' un inno all'amore, all'anticonformismo, al coraggio che ha come eroi due sposi ottantenni, decisi a sfidare tutto- la famiglia, la salute le regole del buon vivere civile che li vorrebbero a casa, inchiodati a due letti di ospedale- pur di riprendersi in mano quel poco che resta loro da vivere. Lo fanno percorrendo una strada, la celeberrima Route 66, che in questo caso si spoglia di ogni valenza mitica per diventare la delicata metafora di una vita vissuta insieme, condivisa chilometro per chilometro, passo dopo passo e che Ella e John intendono ripercorre insieme, fino al capolinea. Ed al capolinea arrivano davvero, attraverso una serie di avventure in cui mai erano finiti prima e in cui mai avrebbero pensato di incappare, in un viaggio che permette loro di recuperare la bellezza di un rapporto inquinato dalle ingerenze esterne e che, in tal senso, è contromano. E' Ella che parla, raccontando in presa diretta- e lo fa nei modi e nei toni della compagna di una vita: ora bruschi, ora affettuosi, ora venati di compassione, ora vibranti per le momentanee arrabbiature, ma sempre intrisi di una intimità profonda, spontanea, vissuta, che diventa uno dei tanti fili conduttori di questo romanzo.
Se avete genitori che per anni hanno condiviso impegni, fatiche responsabilità e sacrifici e che ora, con i figli sistemati e le preoccupazioni dietro le spalle, possono e vogliono tornare a vivere l'uno per l'altro, amandosi in un modo nuovo, fatto di indulgenza, tenerezza e malinconia, non date loro In Viaggio Contromano: probabilmente, non reggerebbero le emozioni di questa storia. Ma se invece avete ancora tanto tempo da trascorrere insieme, e volete scommettere sul vostro futuro, lungo una strada che, per quantò potrà essere affollata, è e resterà per sempre la vostra, allora questo è il libro che fa per voi.
Buona serata
Alessandra