giovedì 19 febbraio 2015

UNA TIRA L'ALTRA... LE JAFFA CAKES!


Ai tempi del Catechismo per la prima Comunione, ero finita fuori dall'aula per aver risposto che dai tre figli di Noè erano nate le seguenti discendenze: da Sem, i Semiti, da Cam i Camiti e da Jafet le arance (e i pompelmi). 
Fosse ora, qualcuno avrebbe riso. 
Ai tempi, ero rimasta lì da sola, a stramaledire la mia educazione nella terra di mezzo, per cui le arance di papà erano le Tarocco e quelle della mamma le Sevilla, mentre le Jaffa mettevano tutti d'accordo, non troppo amare, non troppo rosse, non troppo succose- e forse neanche troppo buone, visto che poi sparirono dalle nostre tavole e chissà per quanto tempo non le avrei più ricordate se, giusto poche sere fa, non mi fossi imbattuta nella solita pessima traduzione dall'inglese all'italiano, in cui l'incauta traduttrice fa mangiare alla protagonista "una merendina della Jaffa"
"Ma son le Jaffa cakes!" - ho pensato. 
E il resto, è qui...



dicesi Jaffa cake quella roba tossica venduta in due versioni (all'arancia, quella antica e allafragola, quella moderna) sugli scaffali della LIDL, al reparto "Dà dipendenza"- e se qualcuno di voi ha mai ceduto all'impulso di metterne una scatola nel carrello, sa di che cosa sto parlando. 
sono tortine di pan di spagna, nappate con uno strato di marmellata (all'arancia, quella antica, alla fragola, quella moderna) e poi giù cioccolato, come se piovesse, inventate sul finire degli anni Venti dal signor Mc Vities e destinate ad avere enorme successo nel Regno Unito. 
Da noi, sono arrivate ma non spopolano- ed è un peccato, perchè oltre ad essere ottime, sono anche da porca figura: facilissime da preparare, perfette per essere regalate o per accompagnare un té o un caffé di un certo tono. 
Una ricetta codificata non esiste, ma se fate questa avrete un prodotto pressoché identico a quello che si compra, con la non lieve differenza che voi sapete che cosa ci avete messo- e quindi, potete computare con maniacale esattezza quante calorie ingurgitate ad ogni morso. 
A questo proposito: è con infinito rammarico che vi annuncio che non c'è traccia di burro, in questa ricetta. solo uova, zucchero e farina nella base, frutta e cioccolato fondente nella copertura. 
d'altronde, siamo o non siamo entrati in quaresima? :-)



Per 16 jaffa cakes

2 uova fresche, medie, a temperatura ambiente
50 g di farina debole, setacciata
50 g di zucchero semolato

75 g di marmellata di arance
75 g di marmellata di fragole

250 g di cioccolato fondente al 70% di cacao


La base è un Pan di Spagna: sbattete le uova in un'ampia terrina, con le fruste elettriche, prima da sole, poi con lo zucchero. calcolate almeno 10 minuti, nel corso dei quali all'inizio sembrerà che non succeda niente, perchè la quantità di zucchero è poca. Ma non disperate, perchè nel giro di una decina di minuti avrete una massa ariosa e ferma. Controllate che il colore sia giallo pallido, quasi bianco e che il composto "scriva", cioè lasci delle tracce, se fatto colare da un cucchiaio sulla superficie.
Aggiungete la farina setacciandola un'altra volta, direttamente sul composto:incorporatela piano piano, con un cucchiaio,mescolando dall'alto verso il basso
Per la cotturausate uno stampo da cupcakes (diametro 4 cm, altezza 2 cm) oppure da muffins, con l'avvertenza, in questo caso, di riempirlo per un terzo, al massimo. 
Sarebbe meglio rivestire il fondo con dei dischetti di carta da forno, per poter sformare le tortine senza intoppi. Io ho usato uno stampo in silicone da cupcakes e non ci sono stati problemi di sorta. 
infornate a 180°C, modalità statica, per dieci minuti. 
Aprite il forno dopo questo tempo e controllate la cottura: se sono dorate in superficie e compatte al tatto, ci siamo. 
Sfornate, lasciate raffreddare qualche minuto, poi sformate e fate raffreddare del tutto. 

Nel frattempo, sciogliete le marmellate, in due casseruolini, a fiamma bassa e mescolando sempre. Adagiatene un cucchiaio sulla superficie delle tortine, uno per ciascuna:alla fine, dovrete ottenere 8 tortine all'arancia e 8 alla fragola. 
Lasciate di nuovo raffreddare. 

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria e poi colatelo con un cucchiaio sulle tortine
Per non sporcare la cucina, fate così: rivestite la leccarda del forno con due fogli di alluminio, posizionatevi sopra una griglia (io ho usato quella del microonde, visto che tutti i miei attrezzi sono impacchettati nelle more del trasloco) e sistemate su di essa le tortine. Poi colate il cioccolato fuso, cercando di rivestire bene la loro superficie: raccogliete subito quello che cade sulla stagnola e spalmatelo sulle Jaffa cakes, fino ad averle ricoperte tutte. 



Lasciate indurire il cioccolato a temperatura ambiente, senza preoccuparvi di ripulire:quando il cioccolato si sarà solidificato, staccate delicatamente le tortine dalla griglia, sistematele su un vassoio, eliminate i fogli di alluminio con i residui di cioccolato e mettete su il caffé, che è la miglior scusa per poter assaggiare subito queste delizie. 

Dopodiché, liberatevene al più presto: io le ho mandate alla riunione delle volontarie del museo, che è un'altra cosa molto British che fa mia madre. Sono state graditissime, han pure chiesto se le vendevo (ve l'ho detto, no', che sono British?)e, quel che più conta, sono riuscita a mangiarne solo sei. 
E non fatemi pensare a quelle due che si stan sentendo sole, di là in cucina...

25 commenti:

  1. Io ho riso,eri spiritosa e probabilmente lo sei ancora,ottime le cake,complimenti,un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mia madre ha sempre detto che per una battuta avrei venduto i genitori...:-)

      Elimina
  2. forse non ti ricordi, ma per lo Starbooks di Jamie Oliver (Confort Food) credevo che avrei fatto le Jaffa Cakes e mi ritrovai invece con una sontuosa torta stile Baumkuchen... Al che la voglia di Jaffa Cakes mi è rimasta, ma poi come spesso accade me ne sono scordata. Vederle qui non fa altro che rinverdire il desiderio, anche perché sono davvero goduriosissime, quindi vedrai che presto le sglutinerò!

    Certo che anche tu a dire che i discendenti di Jafet erano le arance... Sei imperdonabile!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi ricordo, ma è solo perchè il tuo rotolo di meringa mi ha obnubilato i sensi.
      Da sglutinare queste son facili- e per una come te, sarà un gioco da ragazzi.
      e ora che ci penso, non sono ancora stata assolta, da quella battuta :-)

      Elimina
  3. Anch'io al catechismo fui ostracizzata durante una lezione dopo che alla domanda "dopo quanti giorni Gesù è risorto?" avevo risposto "un giorno e mezzo", ma fu un'ingiustizia perché secondo il mio cervello logico e matematico il conto era giusto.
    Le Jaffa Cake son proprio interessanti e casualmente (!) ho anche lo stampo adatto, per cui si faranno quanto prima. Ciao Ale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo.
      ci ho preso una laurea in teologia, per capire il trucco :-)

      Elimina
  4. da acquolina in bocca.... :) mi sa che le metto nella mia lista di dolci da fare al più presto!

    RispondiElimina
  5. se parti da uno degli aeroporti milanesi sai cosa devi portare per passare la dogana (la mia, ovviamente)

    RispondiElimina
  6. Degluttisco per non addentare il monit!!!

    RispondiElimina
  7. Conosco bene l'oggetto. Perché mi ci si appiccica la mano tutte le volte che passo al Penny a comprare cose al volo. Non so perché un pacchetto di questi dolci me lo ritrovo sul nastro della cassa.. Li ha scoperti anche Alice e soprattutto ha scoperto che un pacchetto costa 90 cent. quindi non ha giustificazione a non comprarli. Mah....se ne sono vittima in forma industriale, non oso pensare a quello che potrebbe succedermi di fronte agli home made. Copiata.
    PS eri di battuta pronta già alle elementari vedo! :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al primo giorno d'asilo, sono finita in castigo :-)

      Elimina
  8. Le conosco, ma devo dire che la versione industriale non mi ha mai entusiasmata (probabilmente perché troppo dolce per i miei gusti). Ora però, vedere queste ed immaginarne sapore e consistenza mi fa venire una gran voglia di provare a farmele anch'io - ma credo proprio opterò per la marmellata d'arance su tutte quante. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, confesso: le versioni alla fragola erano per la figlia, che beve il succo d'arancia, ma non mangia le arance e i loro altri derivati. Misteri. fosse dipeso da me, tutte e 16 con la marmalade :-)

      Elimina
  9. ma dai, che goduriose, non le conoscevo, ma rimedierò presto :P

    RispondiElimina
  10. Ma sai che non le conoscevo? E non le ho nemmeno notate, al LIDL. Sarà che il corridoio "Dà dipendenza" cerco di circumnavigarlo ;)
    Grazie per la ricetta, inserita nei "must do".
    Un caro saluto,
    Sabrina.

    RispondiElimina
  11. Ma che spettacolo!!! Facili e veloci da fare...perfette per i bimbi, sia quelli piccoli che quelli grandi!!! ;-)

    RispondiElimina
  12. Alessandra, io ti ADOVO
    Le Jaffa Cakes sono uno dei miei guilty pleasures dell'infanzia...ricordo ancora come asportavo chirurgicamente il pan di spagna, a suon di morsi calcolati e il cioccolato sopra il bottone di marmellata (che scheggiava via che è un piacere)
    Non nego che queste plasticose (quelle del supermercato si intede :D) tortine eran cadute nel dimenticatoio...quanti ricordi!
    Mi segno la ricetta per quando vorrò fare uno sgarro e far conoscere queste tortine a mia nipote senza doverla per forza far entrare nella spirale dell'industria alimentare ;)
    grazie ancora, un abbraccio grande
    Lou

    RispondiElimina
  13. Come è bello rileggere i tuoi post e ributtarsi capofitto in queste meraviglie, presentate come solo tu sai fare.

    RispondiElimina
  14. Che spettacolo!! Non li ho mai assaggiati, me ne spedisci un po'? :D

    RispondiElimina