lunedì 30 luglio 2018

LISA HALLIDAY- ASIMMETRIA




TRAMA

Asimmetria esplora con originalità e intelligenza, umorismo ed eleganza le relazioni asimmetriche della vita contemporanea. Ineguaglianze di età, potere, talento, ricchezza, celebrità, fortuna, geografia e giustizia. Alice ha venticinque anni, vive a New York e lavora per una casa editrice. Una domenica, mentre legge seduta su una panchina di Central Park, incontra un uomo divertente e affascinante, che riconosce subito come Ezra Blazer, il leggendario premio Pulitzer per la letteratura universalmente ammirato. Fra i due, a dispetto dei quarant’anni che separano i loro dati anagrafici, nasce una tenera storia d’amore. Amar è un economista iracheno-americano che fa scalo a Heathrow sulla via per l’Iraq, dove sta andando a trovare il fratello. Trattenuto suo malgrado dalla polizia di frontiera, passa il weekend in custodia all’aeroporto e ripensa alla sua vita. Gioventù e vecchiaia, Occidente e Medioriente, equità e ingiustizia, fortuna e talento, il personale e il politico, Lisa Halliday riesce a tenere tutto insieme e a dirci in maniera meravigliosa qualcosa di illuminante sugli strani tempi che viviamo


CHE COSA DICONO GLI ALTRI
Di tutto e di più, da quando il romanzo ha visto la luce negli Stati Uniti, lo scorso febbraio. L'autrice è stata infatti la giovane amante di un ultrasessantenne Philip Roth e questo libro è in buona parte la rievocazione della loro storia, in cui l'anziano Pigmalione plasma la mente della sua pupilla, in cambio di scopate più o meno memorabili- e vabbè. Di mezzo c'è anche un marito italiano mega boss di Feltrinelli che, per combinazione, si aggiudica i diritti dell'edizione italiana, dopo una esposizione mediatica senza pari- e pure della stampa che conta: il The New Yorker  definisce il romanzo un fenomeno letterario, The Book Review e The Guardian mandano in onda i loro poadcast, insomma: i soliti mezzi per sdoganare il voyeurismo intellettuale, alla faccia del #metoo e del povero Roth che non potrà difendersi. 

CHE COSA DICO IO

E' ovviamente in lista, anche se penso che lo leggerò in originale. E per il resto, vedremo.